Ambiente: ma noi, cosa possiamo fare?

ambienteOggi, 5 giugno, ricorre la Giornata mondiale dell’ambiente. E, per pietà, eviterò di snocciolare dati, visto che c’è poco da stare allegri. Come mamma, però, mi interrogo su quanto posso fare. O meglio, mi chiedo se quello che già sto facendo sia abbastanza.
I miei figli fanno la raccolta differenziata in automatico, perché da sempre teniamo sul balcone i sacchetti per plastica, carta e vetro, mentre in cucina ci sono quelli in cui vanno raccolti organico e indifferenziato, voce che tentiamo di ridurre al minimo.
Da quando i miei nanerottoli camminano, ho una borsa che sembra un discarica: se non c’è un cestino nei paraggi, i miei “capi” danno a me cartacce, cartine, confezioni e chi più ne ha più ne metta. Dopo tutto, l’ambiente non è qualcosa di astratto, di lontano da noi, ma è anche il prato sotto casa, il marciapiedi, il campo della scuola, no?
E quando siamo in vacanza valgono le stesse regole, perché aver cura dell’ambiente significa rispettare la montagna, evitando di lasciare tracce del nostro passaggio, come cerchiamo di fare in spiaggia o nelle città d’arte. Altro? Sì, perché tre anni fa, stanca delle bottiglie di plastica, ho deciso di mettere in casa il depuratore, per avere sempre a disposizione acqua filtrata. Poi insegno ai miei figli a chiudere il rubinetto mentre si lavano i denti, a non accendere il condizionatore se non quando si muore di caldo, a spegnere i dispositivi quando non li usano.
Francamente non so se basti, però, intanto, qualche riguardo per l’ambiente cerco di averlo, nella quotidianità e in prospettiva. Speriamo sia già un inizio…

About Author

La Bella
La Bella

Stefania Romani, giornalista e storico dell’arte, segue da anni mostre e restauri per prestigiose testate e femminili. Con un occhio di riguardo per il turismo culturale e le destinazioni italiane. Scrive anche per un quotidiano on line. E ama le confidenze, le chiacchiere, il confronto, anche serrato, su tutto. Meglio ancora, di fronte a un bicchiere di vino. Perciò, perché non provare a farlo anche in rete?

Leave a Reply