Bella e Zitella? Mimì e Cocò

20170224_224134Mi ha fatto sorridere il pezzo della mia socia e amica, sul rapporto fra Bonnard e Matisse, paragonato a quello fra Bella e Zitella.
In effetti, pur essendo così diverse, per scelte di vita e quotidianità, siamo un po’ come Mimì e Cocò: se riusciamo, visitiamo assieme le vernici stampa delle mostre che ci interessano, con tanto di pausa pranzo in cui dovremmo parlare di lavoro, ma chiacchieriamo di tutto il resto. Condividiamo la passione per gli orecchini esuberanti, anche se io, rispetto alla Zitella, sono una principiante; ci raccontiamo di quello che leggiamo, di quello che vediamo, o vorremmo vedere sia in tv che al cinema. Poi ci lamentiamo degli uomini, della nostra sorte di incomprese, delle cantonate che prendiamo in fatto di amicizia.
Ma, per fortuna, sappiamo anche ridere dei nostri limiti e dei nostri difetti, perché abbiamo la stessa allergia alle persone troppo convinte di sé, pronte a sparare sentenze con il ditino levato.
Certo la povera Bella ormai non sa quasi più cosa sia la vita sociale, mentre la Zitella, beata lei, ha quasi tutte le sere impegnate. La Bella non sa farsi ascoltare da nessuno, se non dai suoi adorati gatti, mentre la Zitella con un sopracciglio alzato mette in riga un plotone intero. Però, alla fine, basta un messaggio da 30 caratteri per capirsi, per fiutare che aria tira, per intuire se l’altra metà del blog ha bisogno d’aiuto.
Oddio, sto scandendo nel sentimentale, non è possibile! E invece sì, che è possibile, perché le amicizie sono rare, anzi rarissime, quindi quando ce n’è una importante, come quella fra Bella e Zitella, meglio tenersela stretta!

About Author

La Bella
La Bella

Stefania Romani, giornalista e storico dell’arte, segue da anni mostre e restauri per prestigiose testate e femminili. Con un occhio di riguardo per il turismo culturale e le destinazioni italiane. Scrive anche per un quotidiano on line. E ama le confidenze, le chiacchiere, il confronto, anche serrato, su tutto. Meglio ancora, di fronte a un bicchiere di vino. Perciò, perché non provare a farlo anche in rete?

Leave a Reply