Una serata sì

Cosa c’è di meglio di un’uscita, per una mamma che passa le sere tappata in casa? Il relax assoluto della single che cena a letto!


BellaMi trucco fra i “però anche noi potremmo venire, pensi che non sappiamo stare a tavola?” e dopo tre secondi “ma vai via tutta sola? Non hai paura che c’è già buio?” e in effetti, di solito, entro una mezz’ora andiamo a letto. Non so bene come, ma le sfumature sono a posto, i punti luce attorno agli occhi anche, il blush sugli zigomi idem. Metro e arrivo al ristorante. Si mangia, abbastanza, si beve, molto, si parla, moltissimo, si sparla, all’ennesima potenza. Ed è un crescendo di “sai che io, per carità, non sono quella che critica, ma…ma sai cosa ho appena saputo? Forse non sono la più adatta a dirlo, ma…”. E dopo un’occhiata al cell, miracolo, sono le 22 e non sbadiglio, non perdo una battuta, non perdo un colpo. Quasi come vent’anni fa. Oddio, proprio così no. Però, ci andiamo vicino.
Poi rientro a casa. Silenzio. dormono. Entro in punta di piedi, li guardo, mi rendo conto di essere innamorata. Sono bellissimi e dico: almeno qualcosa di perfetto l’ho fatto.
La Bella
ZitellaLa vera goduria per una single come me? Ah finalmente a casa! Ora mi preparo il vassoio da letto del quale si è sparsa la voce tra gli amici (e i figli degli amici): yogurt, tisana e un po’ di frutta. Va bhè anche 2 biscotti …non mi fanno male . Una doccia, poi agguanto il telecomando e il telefonino e sono pronta, sotto le coperte, per il mio telefilm preferito.
La pubblicità? Non mi disturba, mi serve per fare il punto sulla giornata. In effetti oggi ne ho fatte di cose; la conferenza stampa, l’inaugurazione della mostra, il pranzo con un paio di amiche, e poi il giornale. ..Oggi nessun imprevisto, per fortuna. Ecco, stasera sto bene. Ogni tanto succede anche a me.

La Zitella


 

 

About Author

Bella&Zitella

Colleghe e amiche, Elisabetta e Stefania, una single, l’altra mamma, si ritrovano spesso a parlare delle loro vite; della famiglia, impegnativa; degli uomini, che alla fine non ci puoi contare più di tanto; delle serate, beata te che se sei stanca non devi preoccuparti di nessuno; del futuro, tu almeno hai una famiglia io non ho nessuno… In ogni caso della quotidianità, che poi, da qualsiasi parte la si guardi, rimane quella che è. PS: i nomi sono in ordine alfabetico…….

Leave a Reply