Camilleri: reazioni fuori misura?

Il malore di Andrea Camilleri, dalla cui penna è nato il commissario Montalbano, fra i più amati del nostro Paese, ha suscitato un’ondata di reazioni: dai messaggi di incoraggiamento e ripresa, a quelli degli haters, che non perdono mai l’occasione di avvelenare la rete. E naturalmente, come sempre, la Bella e la Zitella la vedono in modo diverso.

Bella

Quando ho letto del ricovero di Andrea Camilleri sono rimasta molto turbata. Sapevo bene quanto fossero precarie le sue condizioni di salute, ma lo scrittore siciliano non è semplicemente un vecchietto, è il padre di Montalbano. E io ne ho letto tutta la saga, cominciando quando il commissario era un uomo ricciuto che nell’immaginario collettivo non aveva ancora il volto di Luca Zingaretti, che lo interpreta da anni per la fiction Rai. Di Camilleri ho letto anche diversi romanzi storici, che mi hanno sempre tenuto incollata alle pagine, grazie al ritmo serrato, alla suspance, alla capacità di dare un affresco vivace della Sicilia. Perciò ho trovato normale che personaggi come Fiorello scrivessero parole di incoraggiamento per il Maestro e ritengo fisiologico l’interessamento dei media e del pubblico per la vicenda. Certo, forse un pizzico di retorica c’è, però credo che ci stia tutta. Ma gli haters no, anche stavolta no. Ma dico, è possibile che certa gente sia così incattivita? Nemmeno un briciolo di pietas, di equilibrio, di ragionevolezza. Ah già, questa è merce rara, purtroppo…

La Bella

ZitellaAndrea Camilleri è in ospedale e forse morirà. Ci auguriamo di no, ma anche se fosse sarebbe normale, no?

E’ arrivato a 94 anni in buona salute pur fumando come un turco, ha conosciuto la fama, seppur in età avanzata, ha guadagnato bene perché sicuramente la serie tv tratta dai suoi romanzi gli è valsa un po’ di quattrini in diritti, ha vinto dei premi, ha un suo fans club; insomma, una bella vita direi, molto meglio di quella della media dei lavoratori italiani che vedono allontanarsi la pensione, che fanno lavori usuranti, che devono scontrarsi con i problemi del quotidiano.

E quindi? Quindi tutto questo can can è inutile: Camilleri è un bravo scrittore  di 94 anni giunto al capolinea. Fine. Certo sono disdicevoli alcune osservazioni apparse sui social ma i cretini sia sa ci sono sempre. Comunque  sono andata a rileggermi quello che ha scritto Feltri che non ha offeso Camilleri ma il suo personaggio Montalbano. Insomma, ha detto, a modo suo  che Montalbano non gli piace e gli ha rotto i c… Montalbano, non Camilleri! E’ come se il web si infuocasse per difendere Zorro o Superman  (sì, lo so che succede anche di peggio ma ciò non significa che sia giusto)

Anch’io non guardavo Montalbano, non mi piaceva, non ho letto i romanzi, non mi interessava. Poi ho cambiato idea, col tempo, ma non mi scandalizza se qualcuno dice che Montalbano ha rotto i c.

Bisogna rimettere le cose a posto e ridare a ognuna le giuste proporzioni. Sarei felice di morire a 94 anni circondata dal successo e sinceramente me ne infischierei  se qualcuno  trovasse rompic… la mia creatura letteraria!

 

La Zitella

 

About Author

Bella&Zitella

Colleghe e amiche, Elisabetta e Stefania, una single, l’altra mamma, si ritrovano spesso a parlare delle loro vite; della famiglia, impegnativa; degli uomini, che alla fine non ci puoi contare più di tanto; delle serate, beata te che se sei stanca non devi preoccuparti di nessuno; del futuro, tu almeno hai una famiglia io non ho nessuno… In ogni caso della quotidianità, che poi, da qualsiasi parte la si guardi, rimane quella che è. PS: i nomi sono in ordine alfabetico…….

Leave a Reply