Che trucco e parrucco, a Forum!

bellaezit (450 x 253)Siamo in partenza, destinazione Forum, negli studi di Roma, andata e ritorno in giornata. Arrivo in stazione e vedo che la mia socia ha un bagaglio minimo, ridotto all’osso. Dà un’occhiata al mio e ride, perché mi sono munita di trolley: ho pensato di portare le due opzioni, pantalone e abito, con tanto di relativi accessori. Quindi orecchini, collana e anello versione uno e versione due, idem per i collant e gli stivali. Poi trousse dei trucchi al completo, con tutte le nuance, merendine, dolci e salate, per scongiurare il calo di zuccheri, bottiglietta d’acqua d’ordinanza, pc per lavorare fra Milano e Roma, agenda, cartacea ovviamente, con gli appuntamenti da prendere per le visite dei miei figli. Ma quanto devo star via? Questione di ore, ovvio. Stasera dormirò con i miei nanetti.
Il viaggio in treno vola. Arriviamo e troviamo ad aspettarci la macchina della produzione. Pochi minuti, ingresso negli studi Mediaset, dove ci assegnano il camerino. Uno per due. Meglio così: siamo agitate, quindi stare assieme non guasta. Nella scrittura ci sentiamo forti, è il nostro mestiere e la nostra passione; nel parlare idem, del resto in radio abbiamo funzionato bene. Ma la tv, insomma, ci preoccupa: chissà se sembreremo due oche spaesate.
Va be’, ecco il dilemma sul mio outfit: pantaloni o abito? La Zit ha un tubino fantasia, con accessori importanti. Ci consultiamo, parlottiamo e decidiamo che il mio vestitino, una citazione di Kandinskij, giusto per rimanere in tema di sobrietà, sarebbe tutto sommato in sintonia ma “sovrapponibile” al suo: stesso gusto per la fantasia, per i toni forti, per gli orecchini grandi, colorati. Ma noi siamo Bella e Zitella. Dobbiamo differenziarci, no? Allora opto, anzi optiamo, per il completo in tinta unita. Oddio, tinta unita sì, ma rosa Schiapparelli, sono pur sempre io, in fondo. Quindi vado con la versione due: enormi pendenti a goccia traforati, anellone con pietra rosa, sotto giacca di pizzo nero. Mi giro e vedo la Zit con i guantoni da giardino: “urca, cosa fai?” E lei, come fosse la cosa più ovvia del mondo: “metto i collant con la certezza di non fare nemmeno una smagliatura”. Mai visto niente del genere, giuro, sono basita. Ma il meglio deve ancora venire, perché la mia socia mi chiede con nonchalance: “non ti disturba, vero, se evito la biancheria per non segnare l’abito?” Sono senza parole. Ognuno reagisce allo stress a modo suo: io sudo, di continuo, tipo fontana, lei dà i numeri. Ma nel frattempo, per fortuna, bussano. Dobbiamo passare per trucco e parrucco! I minuti sono contati.
La truccatrice inorridisce per il mio pallore. E comincia con correttori, fondo, colori su colori, pennellate su pennellate. Vedendomi perplessa, mentre accende il ferro per farmi i boccoli, mi spiega che mi devo fidare, devo star tranquilla, in tv il suo intervento nemmeno si vede. Mi vedo riflessa e sbarro gli occhi: a sconvolgermi sono le sopracciglia segnate, molto segnate. Penso “aiuto, sembro un trans”. E, mentre si specchia, la Betti sussurra “oddio, con questa bocca sembro una battona”. Quando si dice due insicure croniche…
Via, tocca al microfonista e ci siamo, entriamo nell’arena. Ci guardiamo chiedendoci come andrà: siamo nervose, un po’ a disagio, e se ci manca la battuta pronta, se non sappiamo cosa dire, se facciamo la figura delle tonte? Bè, ma noi siamo la Bella e la Zitella, l’ironia è il nostro forte. Allora ci diciamo: ma scusa, è un giorno di vacanza, niente familiari fra i piedi, niente routine, abbiamo rimediato un egregio parruco, che mai nella vita, quindi? Quindi niente, la vacanza andrà bene per forza!

About Author

La Bella
La Bella

Stefania Romani, giornalista e storico dell’arte, segue da anni mostre e restauri per prestigiose testate e femminili. Con un occhio di riguardo per il turismo culturale e le destinazioni italiane. Scrive anche per un quotidiano on line. E ama le confidenze, le chiacchiere, il confronto, anche serrato, su tutto. Meglio ancora, di fronte a un bicchiere di vino. Perciò, perché non provare a farlo anche in rete?

Leave a Reply