Cheesecake alla lavanda

lav (225 x 225)Adorate la cheesecake? Allora dovete preparare questa: veloce e profumata!

Non c’è nulla da cuocere e con la lavanda si porta in tavola la primavera! Eco cosa vi serve:

biscotti secchi tipo frollino 150 gr,  burro 75 gr, mascarpone 250 gr, lavanda 10 gr, panna da montare 50gr,  yogurt intero 100 gr, latte 50 gr, fogli di gelatina 4,  zucchero semolato 100 gr, estratto di vaniglia 1 cucchiaio da te, mirtilli 250 gr, acqua 1 tazzina da caffè, zucchero di canna 2 cucchiaini.

Rivestite il fondo e le pareti di una tortiera a cerniera con carta forno. Fate sciogliere il burro, tritate  i biscotti e amalgamate bene. Distribuite e compattate bene il composto sul fondo della tortiera. Ammollate i fogli di gelatina in acqua molto fredda e montate la panna a neve Prendete 200 gr di mirtilli e metteteli in  un pentolino con lo zucchero di canna e l’acqua a fuoco molto basso affinchè rilascino un po’ di succo: filtrate  e schiacciate poi il composto di frutta.

Unite al succo di mirtilli solo metà della gelatina e  mescolate bene per farla sciogliere. Nel frattempo, dopo aver scaldato il latte, unite  la  vaniglia, mescolate e poi aggiungete il resto della gelatina.

Amalgamate zucchero e  mascarpone con lo yogurt e la panna montata. A questo punto dovete dividere il vostro composto in due diverse ciotole, in modo più esatto possibile. In una ciotola  aggiunge il succo di mirtilli e nell’altra il latte aromatizzato alla vaniglia, al quale avrete aggiunto la lavanda. A questo punto, avrete due creme di colore diverso

Versate la crema bianca con la lavanda sulla base di biscotti e mettete in frigo a rassodare per due ore. Poi aggiungetevi lo strato di crema ai mirtilli, rimettete in frigo per almeno 6 ore. Decorate la vostra cheesecake con i mirtilli rimasti. Ricordate che la cheesecake va tolta dal frigo un’oretta prima di essere consumata,

 

About Author

La Zitella
La Zitella

Elisabetta Colombo è una giornalista professionista con una lunga esperienza maturata su più fronti: ha collaborato con diversi femminili, con riviste di architettura e di economia, si occupa di arte e di viaggi. Lavora per un quotidiano, ma la curiosità la spinge sempre verso nuovi campi da esplorare. E quindi perché non un blog, dove raccontare, raccontarsi e aprirsi a inedite conversazioni?

Leave a Reply