Chi dorme di più? Che gara, fra Bella e Zitella

Se il sonno è la prima cura di bellezza, Bella e Zitella stanno diventando bellissime! Se una dorme fino alla tarda mattina, l’altra ignora la sveglia, la rimette o non la sente proprio. Sarà l’inverno? Mah, in ogni caso, una volta tanto, se la godono beate… 

BellaUna gara “a chi dorme di più”. Sarà il richiamo atavico dell’inverno, che induce il letargo in tanti animali; saranno gli arretrati, che ti fanno venir voglia di quarantott’ore di sonno; sarà la stanchezza quasi cronica, con relativo bisogno di staccare, ma sempre più spesso non sento la sveglia. Almeno nei festivi e nei fine settimana, perché gli altri giorni non sono ammesse deroghe. E quando mi confronto con la mia socia, sembra che le stia capitando esattamente lo stesso. Ma possibile? Le nostre nonne inorridirebbero all’idea di due donne, non proprio ragazzine, che ronfano beatamente, lasciando in secondo piano cucina, casa, annessi e connessi. Ma a noi sta bene così, ci spalleggiamo a vicenda, dandoci ragione l’un l’altra, e scacciando il remoto, molto remoto, senso di colpa dell’amica. Del resto il sonno è la prima cura di bellezza, no? E se una dorme, significa che ne aveva bisogno, mica può sempre tirare la carretta. E se si è riposate, si affronta tutto molto meglio, con una certa lucidità. E poi, non dicevano tutti, gufando, che con la vecchiaia arriva l’insonnia e che il riposo ristoratore ti abbandona, perché il sonno è leggero, quindi ti giri e rigiri senza rilassarti? Ecco, se fosse vero, ci attrezziamo e corriamo ai ripari, cioè dormiamo finché possiamo! La mia fortuna? I miei figli sono dei ghiri, proprio come me, quindi è difficile che vengano a svegliarmi vispi come grilli. Ma ultimamente mi è riuscito anche quello: dormire più di loro!

La Bella

Zitella

Ebbene sì, sono stanca, stanchissima, e in carenza di sonno. Ho preso proprio un ritmo malsano: la sera fatico a prendere sonno,  la notte mi sveglio più volte e la mattina….. bhè la mattina sono rinco!  La sera leoni , la mattina co….. diceva mia nonna.  Sarà, ma ieri non ho messo la sveglia e ho dormito fino alle 10,30. Come un sasso! Finalmente. A mia discolpa aggiungo che mi sono addormentata alle 3 e alle 5,30 ho riaperto gli occhi, sicchè si può dire che abbia dormito dalle 6, quindi, tutto sommato 4 ore e mezza. Detto questo, mentre bevo il caffè chiamo la Bella: silenzio. Il telefono squilla a vuoto. Io penso: sarà uscita e non sente il telefono nella borsa. Macchè: verso mezzogiorno mi richiama e candidamente ammette di aver dormito profodamente  fino a quell’ora.  Mi stupisco che i suoi figli non abbiano reclamato la colazione: dormono pure loro. E il marito, l’unico sveglio, se ne è andato a fare una corsetta. Così ci confrontiamo a vicenda: abbiamo fatto bene, ne avevamo bisogno, il sonno è prezioso etc etc etc. Io appendo e mi dico: va bene, lei dovrà pure salvare la faccia con la famiglia ma io? Io sono a casa sola, non devo giustificarmi con nessuno!  Al massimo, se ho una telefonata alla quale non ho risposto posso sempre dire che stavo sotto la doccia ( e io ci sto a lungo, sotto la doccia!). Insomma, se sono stanca sono stanca….e poi per essere efficienti bisogna dormire, se no è finita.  Quindi stamattina ho fatto (quasi)  il bis. E guardo alla giornata con entusiasmo. Ho un sacco da fare ma sono prontissima e se il mattino  ha l’oro in bocca, per me il pomeriggio è di platino!

La Zitella

About Author

Bella&Zitella

Colleghe e amiche, Elisabetta e Stefania, una single, l’altra mamma, si ritrovano spesso a parlare delle loro vite; della famiglia, impegnativa; degli uomini, che alla fine non ci puoi contare più di tanto; delle serate, beata te che se sei stanca non devi preoccuparti di nessuno; del futuro, tu almeno hai una famiglia io non ho nessuno… In ogni caso della quotidianità, che poi, da qualsiasi parte la si guardi, rimane quella che è. PS: i nomi sono in ordine alfabetico…….

Leave a Reply