Il cibo, evviva l’abbondanza

due-cuoche-in-cucina-marten-de-vos (600 x 423)

Un centinaio di opere di grandi maestri che hanno come tema il cibo. In attesa di Expo, che si occuperà proprio di “Nutrire il pianeta” , dal 24 gennaio al 14 giugno 2015 Palazzo Martinengo di Brescia ospita una mostra unica «Il cibo nell’arte. Capolavori dei grandi maestri dal Seicento a Warhol». Artisti come Campi, Baschenis, Magritte, De Chirico, Fontana, Andy Warhol, per citarne alcuni, declinano il cibo nel tempo.

La mostra è promossa dall’Associazione Amici di Palazzo Martinengo, con il patrocinio della Provincia di Brescia, Regione Lombardia e di EXPO 2015, ed è curata da Davide Dotti; il risultato è un percorso espositivo che è in realtà un viaggio tra tavole imbandite e selvaggina, frutti e cibi in scatola, che propongono in modo originale il tema del cibo e del nutrimento, tra necessario e superfluo, tra ricchezza e povertà, tra abbondanza e miseria. Una carrellata di pietanze in mostra, tra le quali scoprire piatti dal sapore antico ma anche approfondire le usanze, i costumi e i gusti dell’epoca, grazie alla collaborazione con alcuni dei più rinomati dipartimenti di Scienze Alimentari delle Università italiane,

La mostra è articolata in dieci sezioni tematiche: l’allegoria dei cinque sensi, mercati dispense e cucine, la frutta, la verdura, pesci e crostacei, selvaggina da pelo e da penna, carne salumi e formaggi, dolci vino e liquori, tavole imbandite, il cibo nell’arte del XX secolo. A chiudere il percorso la spettacolare Piramide alimentare, un’installazione contemporanea, appositamente realizzata dall’artista Paola Nizzoli.

 

 

About Author

La Zitella
La Zitella

Elisabetta Colombo è una giornalista professionista con una lunga esperienza maturata su più fronti: ha collaborato con diversi femminili, con riviste di architettura e di economia, si occupa di arte e di viaggi. Lavora per un quotidiano, ma la curiosità la spinge sempre verso nuovi campi da esplorare. E quindi perché non un blog, dove raccontare, raccontarsi e aprirsi a inedite conversazioni?

Leave a Reply