Con il mio gatto Musino… per sempre!

20190118_172131Bè, chi mi conosce sa che vivo in simbiosi con il mio gatto, all’anagrafe Musino Gattotti, che chiamiamo confidenzialmente Muso, o Sgarbiolotti. Mi segue ovunque, anche in bagno, e quando sono triste o malata non mi molla nemmeno un secondo. E quando litigo con i miei figli, ricordo loro il fatto che Musino, il mio adorato Musino, è l’unico a volermi bene in modo incondizionato.
Certo, poi cerco di ridimensionare l’intera faccenda, dicendomi che si tratta pur sempre di un gatto, non proprio del mio “terzo figlio”, come spesso lo definisco, anche piuttosto seriamente.
Però, quando ho letto che il Consiglio Regionale della Lombardia il prossimo 19 febbraio potrebbe approvare un ddl per consentire la sepoltura degli animali da compagnia con i propri padroni, ho subito pensato che vorrei con me il mio gatto.
Così, visto che in famiglia non mi ascolta nessuno, e ne sono consapevole, nel fine settimana ho manifestato le mie volontà al nipote lussemburghese, che era qui per il compleanno della sorella. Risposta? “Ma zia, guarda che muori tu prima del tuo gatto. Hai presente quanto potrebbe campare Musino?”
Urca, mi è partita al volo la toccatina scaramantica e ho pensato di lasciar perdere. Alla sera però sono tornata alla carica con il consorte, che mi ha detto: “Oddio, quindi quando muori mi tocca pure accoppare il tuo gatto per dartelo dietro?”
Poi uno non capisce perché una donna diventa gattara e rinuncia a ragionare con gli uomini…

About Author

La Bella
La Bella

Stefania Romani, giornalista e storico dell’arte, segue da anni mostre e restauri per prestigiose testate e femminili. Con un occhio di riguardo per il turismo culturale e le destinazioni italiane. Scrive anche per un quotidiano on line. E ama le confidenze, le chiacchiere, il confronto, anche serrato, su tutto. Meglio ancora, di fronte a un bicchiere di vino. Perciò, perché non provare a farlo anche in rete?

Leave a Reply