Concediamoci un po’ di relax

Tutte lo desiderano, ma poi sanno metterlo in pratica?  “Ho bisogno di rilassarmi”, “Devo avere un minuto di relax”, “Sono stressata!”, ma poi, quando finalmente il sogno si avvera…   

Bella

La mia idea di relax? Niente orari, niente tabelle di marcia, niente impegni: il vacuum. Insomma, l’ozio, il dolce far nulla, il riposo più totale, in cui lasciarmi sprofondare, gradualmente, quasi cullandomi, senza che nessuno mi richiami all’ordine. Bè, visto così sembra un desiderio tutto sommato semplice da assecondare, ma quando ci sono i figli, si sa, le giornata sono per forza di cose complicate. Quindi? O aspetti il fine settimana e li piazzi dai nonni, regalandoti un mezzo pomeriggio di libertà, o ti ritagli un weekend di montagna, come quello appena trascorso in val d’Ega. Lì mi sono rilassata talmente tanto da dimenticare il senso del dovere e degli impegni. Tradotto? Ho dato buca alla Zitella, tirandole un bel bidone. Che il relax mi faccia male?

La Bella

ZitellaRelax… parola magica, se non fosse che il puro relax per la zitella non esiste. Se il corpo è in relax la mente va e i pensieri si accavallano. E spesso si tratta di pensieri “indesiderati”. E poi il relax è per me sinonimo di ozio e quindi perché “perdere” tempo quando ci sono mille cose da fare e da vedere? I miei momenti di relax durano poco perché subito mi viene in mente una cosa da fare, mi ricordo di una telefonata, devo scrivere un promemoria. E per le vacanze è lo stesso: sono sempre irrequieta. Così sogno un bel lettino sulla spiaggia in riva al mare e poi dopo 10 minuti che sono lì ferma e rilassata… sì insomma, devo alzarmi perché devo assolutamente fare qualcosa, che sia una passeggiata, una nuotata, un po’ di movimento.

Se leggo un libro, in assoluto relax, mi bastano alcune parole chiave per partire con le mie elucubrazioni. A volte credo di non rilassarmi davvero nemmeno quando dormo.

Relax: per me è una meta agognata ma sono rare le volte in cui riesco davvero a staccare la spina. Che dannazione!

La zitella 

About Author

Bella&Zitella

Colleghe e amiche, Elisabetta e Stefania, una single, l’altra mamma, si ritrovano spesso a parlare delle loro vite; della famiglia, impegnativa; degli uomini, che alla fine non ci puoi contare più di tanto; delle serate, beata te che se sei stanca non devi preoccuparti di nessuno; del futuro, tu almeno hai una famiglia io non ho nessuno… In ogni caso della quotidianità, che poi, da qualsiasi parte la si guardi, rimane quella che è. PS: i nomi sono in ordine alfabetico…….

Leave a Reply