Il bello del circo

Il bello del circo

“Ho portato la mia bambina al circo” mi racconta un collega. E io credo che mi racconterà di clown e acrobati e numeri pazzeschi. Invece dopo pochi minuti la conversazione cade sulle donne del circo. Possibile che fra trapeziste e cavallerizze non ce ne sia stata una giusta? Eh no, perché per l’occhio clinico del papà, che, del resto, per fare il sacrificio di portare la figlia al circo deve pur avere una ricompensa, ti pare?, beh per il suo occhio clinico non c’è nulla di appagante. Ma ecco che l’amico gli evoca tale Kelly, la valletta del mago di un piccolo circo di provincia. Certo lì, in quel piccolo circo,  i trucchi si vedono tutti ma che importa: quando Kelly esce dalla scatola magica… che spettacolo!

Ora, care mamme, se anche i vostri mariti hanno portato i vostri figli al circo, sappiate che poi, i loro discorsi sono questi. La prossima volta andateci voi al circo con i vostri bambini e lasciate gli uomini a casa con l’aspirapolvere in mano. Perché al circo ci sono anche i trapezisti e gli acrobati!