Il Black Friday non ci ha sfiorato

Black Friday in Sao Paulo, Brazil - 22 Nov 2018Il Black Friday? Mi ha appena sfiorato. E’ vero che sono affetta da  shopping compulsivo, ma è anche vero che detesto fare le cose perché le fanno tutti.

Sicché questa febbre da Black Friday  non mi ha contagiato nemmeno un po’.  Si va beh, a parte una maglietta e un vestitino luccicante per ballare, ma li avrei comprati comunque .

Pensavo che la Bella avesse azzardato un po’ di più ma in realtà, interpellata in merito, mi ha detto di non aver comprato niente. Che dire? Ad un’attenta analisi sembra quasi preoccupante che nessuna delle due si sia fatta prendere dall’ansia dell’acquisto. Del resto ho visto scene raccapriccianti, con gente che si buttava nei negozi e con offerte spesso ingannevoli, un po’ come quelle dei saldi quando i commercianti tirano fuori i capi di tre stagioni fa.

Io compro solo quello di cui ho veramente bisogno; che poi il mio concetto di bisogno comprenda l’ennesimo paio di scarpe, beh questa è un’altra faccenda.

Per quanto riguarda gli acquisti on line, mi sono sempre chiesta come si possa comprare un paio di pantaloni (o di scarpe) senza provarli. Mah….  Ho saputo che sono andati alla grande gli “attrezzi” da cucina, che non mi interessano proprio, e una serie di diavolerie tecnologiche di cui ignoro l’utilità. Perciò sto bene così. Se c’è qualcosa che rimpiango è il fatto di non aver approfittato delle offerte di viaggio, ma anche lì, destreggiarsi nella giungla di siti e proposte  avrebbe richiesto tempo e lucidità mentale.

Quindi, comprerò le mie scarpe nuove, provandole come si deve, in un negozio e farò la valigia dopo aver scelto accuratamente meta e itinerario. Il Black Friday? Un fenomeno di massa!

About Author

La Zitella
La Zitella

Elisabetta Colombo è una giornalista professionista con una lunga esperienza maturata su più fronti: ha collaborato con diversi femminili, con riviste di architettura e di economia, si occupa di arte e di viaggi. Lavora per un quotidiano, ma la curiosità la spinge sempre verso nuovi campi da esplorare. E quindi perché non un blog, dove raccontare, raccontarsi e aprirsi a inedite conversazioni?

Leave a Reply