Il fedifrago benefattore

tradireQuesta è bella! Però di certo è anche vera: i fedifraghi sono in realtà dei benefattori! Dell’economia, si intende. Lo dice un sondaggio, certo un po’ di parte, realizzato da Incontri-ExtraConiugali.com, un portale che, come dice il nome, si rivolge a chi cerca avventure extra. Il sondaggio, in sostanza, dice che, dal momento che chi tradisce “ se la gode” e no rinuncia a molti piaceri della vita, fa girare l’economia del Paese. Quindi, anche in tempi di crisi, l’87% delle persone che si dichiarano traditrici non rinuncia a concedersi dei momenti di piacere, grandi o piccoli che siano, anche se questo vuol dire dover affrontare delle spese.

Cosa che ovviamente non è per chi resta fedele e si preoccupa del menage familiare: in questo caso il 68% delle persone  preferisce risparmiare per poi investire in un futuro insieme, nella casa o nell’educazione dei figli. Il sondaggio sembra un po’ scontato ma in realtà ci dice che chi tradisce fa un diverso uso del denaro, vive forse un po’ più alla giornata, dà un valore diverso al denaro e tende a usarlo per “fare esperienze”. E con ciò s intende un bel ristorante, un viaggetto, un week end: piaceri irrinunciabili per il fedifrago, che considera ben spesi questi soldi, mentre per chi è fedele sono soldi che si possono risparmiare.

Certo, se il marito spende con l’amante mentre la moglie tira la cinghia……beh c’è veramente da arrabbiarsi. Sento già i commenti della Bella….

Chi ha l’amante, oltre a cercare la trasgressione, cerca di staccare alla vita quotidiana, magari con un romantico week end, senza troppo preoccuparsi delle spese. In sostanza, come sottolinea il sondaggio: il tradimento non solo fa vedere la vita con occhi diversi ma aiuta a far girare l’economia italiana.

Questo vale per entrambi i sessi, ovviamente! Chissà cosa ne pensa la Bella: le lancio l’idea di un Botta e Risposta sul tema! E voi, come la vedete?

About Author

La Zitella
La Zitella

Elisabetta Colombo è una giornalista professionista con una lunga esperienza maturata su più fronti: ha collaborato con diversi femminili, con riviste di architettura e di economia, si occupa di arte e di viaggi. Lavora per un quotidiano, ma la curiosità la spinge sempre verso nuovi campi da esplorare. E quindi perché non un blog, dove raccontare, raccontarsi e aprirsi a inedite conversazioni?

Leave a Reply