Il matrimonio? Più vantaggioso per gli uomini

11 (600 x 375)Il matrimonio conviene più agli uomini che alle donne. Che scoperta! A parte il fatto che sono convinta che sia stato sempre così, uno studio ha rilevato che le donne hanno conosciuto, paragonata a quella degli uomini, una grossa crescita del proprio reddito, mentre è diminuito del 13% il loro vantaggio derivante dall’essere moglie.

Insomma, i progressi delle donne nel mondo del lavoro stanno avvantaggiando anche gli uomini, cioè sono sempre più spesso più gli uomini ad avanzare di classe sociale ed economica grazie al matrimonio.

Le donne volano alto e quindi anche gli uomini ne beneficiano. Un’inversione di tendenza rispetto a ciò che è avvenuto in passato, dove la donna “si sistemava” col matrimonio; un’inversione che dimostra però come la dipendenza delle donne dagli uomini fosse solo un fattore culturale. Le donne erano in qualche modo costrette a sposarsi e a dedicarsi alla famiglia. E infatti, non appena hanno avuto la possibilità di accedere all’istruzione, hanno dimostrato ciò che sanno fare. E hanno sorpassato gli uomini.

Leggendo i dati, ci sono più possibilità oggi rispetto a ieri che ci si sposi con ragazzi di istruzione inferiore, ha fatto notare Chang Hwan Kim, professore dell’Università del Kansas, a capo dello studio. I ricercatori hanno rilevato che il reddito delle donne è cresciuto notevolmente e, di conseguenza, è diminuito il loro vantaggio di essere moglie.

Temo che agli uomini ciò piaccia poco: l’indipendenza delle donne non è gradita e il fatto che siano le mogli a portare a casa più soldi se, da un lato, toglie all’uomo l’ansia della responsabilità familiare,dall’altro svaluta l’idea del “capofamiglia”, del marito che “porta i pantaloni” .

Non credo che i mariti siano davvero pronti a questa rivoluzione e quindi le mogli ahimè, non se la passano bene.

Ecco un altro motivo per godermi la zitellaggine!

 

 

About Author

La Zitella
La Zitella

Elisabetta Colombo è una giornalista professionista con una lunga esperienza maturata su più fronti: ha collaborato con diversi femminili, con riviste di architettura e di economia, si occupa di arte e di viaggi. Lavora per un quotidiano, ma la curiosità la spinge sempre verso nuovi campi da esplorare. E quindi perché non un blog, dove raccontare, raccontarsi e aprirsi a inedite conversazioni?

Leave a Reply