In Giappone, alla fiera di Hokkaido

collina5 (600 x 399)Il Paese che ha ottenuto maggior successo a Expo 2015 è senza dubbio il Giappone: per visitare il suo padiglione si fanno code di ore, ma ne vale la pena perché il percorso è un viaggio tra tradizione e futuro, un’immagine calzante del Paese del Sol Levante. Ma c’è di più: oltre ai ristoranti dove si possono gustare i piatti tipici del menù giapponese, si apre oggi un evento straordinario, organizzato da Hokkaido Committee for Expo Milano 2015
Fino all’8 ottobre è di scena l’isola di Hokkaido, la più grande del Giappone,  con esibizioni e degustazioni culinarie di diversi piatti che verranno cucinati sul posto utilizzando ingredienti tipici come arrosto di manzo giapponese, carpaccio di capesante, salmone in pentola in stile Ishikari, sushi rotondo “Temari Sushi” ecc..
Interessanti anche i seminari di cultura Ainu; un’antica popolazione che abita l’isola di Hokkaido, le isole Curili e, in piccola parte, l’isola russa di Sachalin e le coste del continente. Gli Ainu saranno all’Expo con esibizioni della loro musica tribale e un panorama delle loro tradizioni. Sarà inoltre possibile visitare una mostra di abiti tipici Ainu, e una di blocchi di ghiaccio galleggianti.
I video faranno da fil rouge attorno all’Hokkaido seguendo parole chiave come cucina, agricoltura, pesca, natura, …..
Non mancheranno ovviamente degustazioni di varie specialità locali. Una tre giorni intensa per tuffarsi in una cultura così lontana e così affascinate. Gli eventi si terranno al Padiglione e a Cascina Cuccagna.

Info al sito http://hokkaido-day.jp/ e alla pagina facebook https://www.facebook.com/hokkaidoday

About Author

La Zitella
La Zitella

Elisabetta Colombo è una giornalista professionista con una lunga esperienza maturata su più fronti: ha collaborato con diversi femminili, con riviste di architettura e di economia, si occupa di arte e di viaggi. Lavora per un quotidiano, ma la curiosità la spinge sempre verso nuovi campi da esplorare. E quindi perché non un blog, dove raccontare, raccontarsi e aprirsi a inedite conversazioni?

Leave a Reply