Isolamento? – 4 kg!

Isolamento? – 4 kg!

So che a molte mie coetanee potrebbe sembrare una pacchia. Perchè quando ci sono problemi, situazioni di stress, grattacapi, la sottoscritta, anziché mangiare e ingrassare, come capita alla maggior parte delle persone, si prosciuga, letteralmente.

L’isolamento prolungato, con due adolescenti a stretto, anzi strettissimo contatto h24, non ha fatto eccezione: la bilancia ha sentenziato – 4 kg! Reazione? Beh, visto che non ho nessuna voglia di andare per negozi, quando riapriranno, perché mi atterrisce l’idea di provarmi qualcosa che possa essere stato indossato da altri, almeno non sono obbligata a comprare capi nuovi online e posso attingere ai fondi del mio armadio, ripescando le cose che indossavo prima di avere i figli. Oddio, magari le forme non saranno più esattamente le stesse, anzi di sicuro non lo saranno, ma non è che si profilino mesi di intensa vita sociale, quindi vedrò di adattarmi. E se qualche cucitura non girerà proprio benissimo, saprò farmene una ragione.

Ma come ho fatto a dimagrire così tanto in isolamento, visto che 4 kg, su una donnina di un metro e mezzo, già di suo non esattamente abbondante, sono parecchi? Moto quasi zero, se tralasciamo le faccende domestiche, nelle quali non sono proprio un mago, o il doversi trascinare dalla camera da letto allo studio e dalla cucina alla sala, tenendo conto che non vivo in un castello, povera me. Di dieta non ho nemmeno ragionato, nel senso che cercavo di far mangiare i miei figli in modo sano e probabilmente li ho seguiti. Certo facevo le spese e mi portavo borse, borsine, borsone e bottiglie d’acqua da sola lungo due piani, ma non è che lo facessi proprio tutti i giorni e, in ogni caso, non dieci volte al giorno. Quindi, vuoi dire che siano stati i pensieri? In effetti, quelli sì, che sanno stroncare…

Share