La squisita ospitalità sarda

panadas (350 x 263)La Zitella è tornata da una bella vacanzina in Sardegna, dove è stata squisitamente ospitata da una coppia di amici conosciuta in viaggio. Ora, la parola squisitamente, che si usa per definire la cortesia di chi apre la propria casa agli ospiti, non è certo casuale. Squisitamente rimanda al gusto: non si dice graziosamente, profumatamente, vellutatamente, no, si dice proprio squisitamente. Non so se nasca dal fatto che quando si ospita qualcuno, soprattutto nel nostro Paese , ci si impegna molto per far conoscere i piatti e le ricette della propria regione e della propria città, certo è che la relazione calza a pennello. In inglese per esempio si preferisce warm, cioè calda (ospitalità), che, col tempo che si ritrovano da quelle parti, forse è auspicabile. Ve la immaginate una calda ospitalità in Sardegna, e in generale nel Bel Paese, dove già il termometro, soprattutto in questa stagione , supera abbondantemente i 30 gradi? No, No, squisita è così appropriato che più non si potrebbe. E infatti, la prima sera della Zitella in terra sarda si è consumata in un primo goloso approccio ai sapori, la seconda idem e la terza col trionfo del porcetto allo spiedo. Una volta “allargato” lo stomaco è stato facile ricadere nella trappola del “quanto è buono” e via con antipasti, culurgiones, panadas, malloreddus, pesce e crostacei, fregole con cozze e arselle, seadas e biscottini alla pasta di mandorle.

Così la Zitella, che aveva perso un po’ di chili, ne ha recuperati più di due e da oggi viaggia a insalata, magari anche scondita. E del resto a casa propria chi mai si ospita squisitamente?

About Author

La Zitella
La Zitella

Elisabetta Colombo è una giornalista professionista con una lunga esperienza maturata su più fronti: ha collaborato con diversi femminili, con riviste di architettura e di economia, si occupa di arte e di viaggi. Lavora per un quotidiano, ma la curiosità la spinge sempre verso nuovi campi da esplorare. E quindi perché non un blog, dove raccontare, raccontarsi e aprirsi a inedite conversazioni?

Leave a Reply