La vita secondo Ozpetek

La vita secondo Ozpetek

La Zitella si è presa un pomeriggio per sé e sola soletta si è gustata, meglio assaporata, l’ultimo film di Ferzan Ozpetek La Dea Fortuna. Un film commovente, bello, nel senso più intenso del termine, una commedia in un dramma, un inno alla speranza, al coraggio, all’ottimismo, all’amore.

Una favola, o forse no: semplicemente una stupenda rappresentazione della vita con i dolori, le gioie, le aspettative, le delusioni. Un cast che è una garanzia, da Stefano Accorsi, uno degli attori preferiti di Ozpetek, un’empatica Jasmine Trinca, un simpatico Edoardo Leo, e una sorprendente Barbara Alberti in un ruolo che le calza a pennello. Oltre a due bambini che sono l’anima di tutto il film, a tratti fanciulli ingenui, a tratti più adulti degli adulti.

E del resto in tutto il film i ruoli si sovrappongono: genitori e figli, marito e moglie, compagni e amici, grandi e piccoli. Un film nello stile di Ozpetek che ci ha abituato a queste storie apparentemente “diverse” ma in realtà così normali, in grado di disegnare la vita con un colore diverso.