Le cataste di legna: un’opera d’arte!

BassaMezzano_Montagna in-canto dell-Ass.La Stua (300 x 225)C’è un borgo da cartolina, nel cuore del Trentino, che vanta qualcosa di speciale. A Mezzano di Primiero (Tn), piccolo centro che si dipana all’ombra delle Pale di San Martino, il rito tradizionale delle cataste di legna, da mettere da parte per l’inverno, si è fatto arte.
L’abitato montano, che rientra nel circuito dei Borghi più belli d’Italia, qualche anno fa ha promosso una mostra permanente, dal titolo Cataste & Canzèi: il secondo termine, dialettale, si riferisce proprio alle scorte di ciocchi che in attesa della stagione fredda vengono accumulate e quindi collocate vicino alle case, in maniera rigorosamente ordinata. Da questo gesto legato al passato sono nate venticinque sculture, realizzate con tronchetti al naturale o dipinti, che regalano un volto nuovo a viottoli, angoli contadini e abitazioni, arricchendoli in tutte le stagioni con un tocco fra l’antico e il contemporaneo. I temi? Strumenti musicali, leggende, antichi mestieri, oggetti di lavoro. www.mezzanoromantica.it

About Author

La Bella
La Bella

Stefania Romani, giornalista e storico dell’arte, segue da anni mostre e restauri per prestigiose testate e femminili. Con un occhio di riguardo per il turismo culturale e le destinazioni italiane. Scrive anche per un quotidiano on line. E ama le confidenze, le chiacchiere, il confronto, anche serrato, su tutto. Meglio ancora, di fronte a un bicchiere di vino. Perciò, perché non provare a farlo anche in rete?

Leave a Reply