Le donne intelligenti restano single!

downloadAllora ragazze, io l’avevo capito da un sacco di tempo ma ho scoperto che molti studi lo dimostrano. Sapete perché sono zitella? Perché sono intelligente!  Eh già, fior di scienziati hanno ammesso che le donne intelligenti restano single e faticano a trovare un compagno. Che scoperta!

Il problema è sempre lo stesso: gli uomini!  Resiste infatti l’idea della donna “angelo del focolare”, quella che si preoccupa della famiglia, la mamma in senso lato, la donna che non può e non deve in alcun modo “oscurare” il marito. E badate bene che non lo dico io.

Insomma, l’uomo intelligente preferisce una donna un po’ meno intelligente e ambiziosa: delirio di superiorità. Quindi, noi, che non accettiamo di metterci un gradino più giù, restiamo sole.

Secondo gli uomini, le donne intelligenti sono troppo brillanti e ambiziose, smascherano facilmente bugie e menzogne, non amano fare le oche, cosa che ai maschi è sempre gradita, sono competitive. In una parola: difficili da gestire.

Diciamoci la verità: di uomini così ne ho incontrati parecchi. Se cerchi di spiegare le tue ragioni  sei polemica,  se fai discorsi logici sei complicata, se dici no sei testarda. E potrei continuare all’infinito.  E non voglio dire che tutte le donne accompagnate siano meno intelligenti, no no, ci sono anche quelle intelligentissime che, avendo capito cosa vogliono gli uomini, danno loro ciò che chiedono. E si calano nella parte, affrontando una vita di finzione, tanto che poi non distinguono più ciò che sono da ciò che fingono di essere.

Concludendo, per accontentarvi, cari omuncoli,  chiuderò con una banalità , come piace a voi: meglio sole che male accompagnate .

.

.

About Author

La Zitella
La Zitella

Elisabetta Colombo è una giornalista professionista con una lunga esperienza maturata su più fronti: ha collaborato con diversi femminili, con riviste di architettura e di economia, si occupa di arte e di viaggi. Lavora per un quotidiano, ma la curiosità la spinge sempre verso nuovi campi da esplorare. E quindi perché non un blog, dove raccontare, raccontarsi e aprirsi a inedite conversazioni?

Leave a Reply