Milano, ecco la Casa museo Boschi Di Stefano

casa_boschi_-_sala_dedicata_a_morandi_e_de_pisis_0 Milano nasconde gioielli spesso sconosciuti. Ne è un esempio la casa museo Boschi-Di Stefano, in via Giorgio Jan 15, una della 4 case museo della città, che custodisce un grandissimo patrimonio artistico. Antonio Boschi e Marieda Di Stefano si sposano nel 1927.  Lui  è un giovane ingegnere, appena assunto alla Pirelli, dove avrà poi  una brillante carriera,  costellata da  importanti brevetti come  il GIUBO (Giunto Boschi), usato ancora oggi. Lei appartiene ad una ricca famiglia milanese, Condividono fra l’altro una grande passione, quella per l’arte, che coltivano insieme  per tutta la vita, spesso sostenendo anche economicamente giovani artisti e raccogliendo oltre 2000 opere.

La casa museo espone, nelle 11 stanze dell’appartamento che i coniugi hanno abitato,  una selezione di circa trecento  opere della collezione, donata al Comune di Milano nel 1974, che  rappresenta una straordinaria testimonianza della storia dell’arte italiana del XX secolo . E infatti alcune opere sono  esposte al Museo del Novecento.

Nella casa invece si scoprono tele di Severini e di Boccioni, si ammira  la “sala del Novecento italiano” con opere di Funi, Marussig, Tozzi, Carrà e Casorati, si resta incantati nella  “sala Sironi”, interamente dedicata all’artista. E ancora i  Morandi, i De Pisis,  i Chiaristi,  Campigli, Paresce, Savinio ,   de Chirico con La scuola dei gladiatori (1928) e la splendida  “sala Fontana”  che propone un prezioso gruppo  di venti lavori dell’artista

La Casa-Museo è collocata in una palazzina realizzata all’inizio degli anni Trenta del Novecento dall’Architetto Piero Portaluppi, di cui si riconoscono alcuni elementi . Gli ambienti, ripristinati dal Comune di Milano, sono stati allestiti ed arredati a cura della Fondazione Boschi Di Stefano, costituita nel 1998.

La Casa Museo è  un prezioso scrigno visitabile da martedi a domenica dalle 10 alle 18.

Da vedere!

About Author

La Zitella
La Zitella

Elisabetta Colombo è una giornalista professionista con una lunga esperienza maturata su più fronti: ha collaborato con diversi femminili, con riviste di architettura e di economia, si occupa di arte e di viaggi. Lavora per un quotidiano, ma la curiosità la spinge sempre verso nuovi campi da esplorare. E quindi perché non un blog, dove raccontare, raccontarsi e aprirsi a inedite conversazioni?

Leave a Reply