Mountainbike in Val D’Ega

biciSiete appassionati di bicicletta in alta quota?  Volete cimentarvi in questo sport “adrenalinico”? Allora non potete perdervi il suggestivo tracciato ai piedi del massiccio dolomitico del Catinaccio e a soli 20 minuti da Bolzano, il Flowtrail Carezza che da sabato si ripropone con una parte finale ampliata e arricchita di ulteriori salti e spettacolari paraboliche.

Alla partenza del suggestivo tracciato che attraversa la valle del rio Nigra, invece,  gli esperti della T&B Factory sono ancora al lavoro su una strepitosa area allenamenti.

Per raggiungere il trail si sale da Nova Levante con la comoda cabinovia a 10 posti, immersi nel favoloso  paesaggio Patrimonio dell’Umanità UNESCO che da solo vale il viaggio. Arrivati a monte, la partenza è il preludio a uno percorso che attraversa i prati della Malga Frommer, si tuffa nel bosco, costeggia il rio Nigra e riemerge sui verdi pascoli vicino al Rio Locherer. Il percorso, lungo 4,4 km, si snoda tra salti, paraboliche, ponticelli e northshores ed è caratterizzato da uno splendido gioco di luce che riesce a incantare grandi e piccoli. La nuova parte finale, con salti, drops e tabels, è particolarmente adrenalinica e lascia nelle gambe la voglia di ricominciare immediatamente.

Se invece volete esercitarvi prima di affrontare il percorso, a partire da inizio luglio sarà pronta l’area allenamenti, immersa nel verde, con diversi percorsi per esercitare e migliorare le proprie abilità di guida. Sarà sicuramente una sfida potersi metterei alla prova tra tornantini, rockgarden, drops, curve, banked turn, scalini, balance-northshores e ostacoli per imparare bunnyhops.

Con il nuovo allestimento del Carezza Trail, la Val D’Ega diventa una delle mete di punta, a livello mondiale, per tutti gli appassionati di mountainbike.

 

 

 

 

About Author

La Zitella
La Zitella

Elisabetta Colombo è una giornalista professionista con una lunga esperienza maturata su più fronti: ha collaborato con diversi femminili, con riviste di architettura e di economia, si occupa di arte e di viaggi. Lavora per un quotidiano, ma la curiosità la spinge sempre verso nuovi campi da esplorare. E quindi perché non un blog, dove raccontare, raccontarsi e aprirsi a inedite conversazioni?

Leave a Reply