Natale con i bimbi di Dynamo Camp

PressKit_DynamoCamp-16 (600 x 400)Pensare agli altri fa bene, soprattutto in un Natale come questo, stretto tra crisi e timori per un mondo che sembra non voler andare verso la pace. E allora mettiamoci in pace con noi stessi: quest’anno sotto l’albero di Natale mettiamo anche il sorriso di un piccolo eroe che grazie al nostro aiuto toccherà con mano il divertimento e l’atmosfera di Dynamo Camp. Cos’è Dynamo Camp?
E’ un luogo dove i bambini con gravi patologie tornano ad essere bambini. Un luogo di vacanza dove la vera cura è ridere e la medicina è l’allegria. Un luogo dove, grazie al nostro contributo un bambino potrà trascorre gratuitamente una settimana indimenticabile. Dal 2007 ad oggi, Dynamo Camp ha ospitato 5.830 bambini, con 63 patologie e 859 famiglie, grazie anche all’aiuto di 3198 volontari. E allora perché non fare gli acquisti natalizi al Christmas Shop temporaneo di Dynamo Camp?
A Milano, aperto fino al 31 gennaio in Piazza Gae Aulenti 1, il Christmas shop (aperto tutti i giorni dalle 10 alle 19) offre t-shirt, polo, giacche tecniche per attività outdoor, borse e accessori da viaggio in puro cotone, cappellini, calzini, sci, caschi da bici, orologi e articoli regalo. Inoltre si possono acquistare cesti natalizi con frollini, miele, succo di mirtillo, confetture, vino, pasta, provenienti dal territorio in cui sorge Dynamo Camp, tra gli Appennini toscani.
All’interno dello shop ci sarà anche un punto caffetteria, aperitivi e cocktail, uno spazio disponibile su richiesta per eventi aziendali.
E allora quest’anno facciamo qualcosa di buono e andiamo al Christmas shop di Dynamo Camp!
Per saperne di più: www.dynamocamp.org

About Author

La Zitella
La Zitella

Elisabetta Colombo è una giornalista professionista con una lunga esperienza maturata su più fronti: ha collaborato con diversi femminili, con riviste di architettura e di economia, si occupa di arte e di viaggi. Lavora per un quotidiano, ma la curiosità la spinge sempre verso nuovi campi da esplorare. E quindi perché non un blog, dove raccontare, raccontarsi e aprirsi a inedite conversazioni?

Leave a Reply