Noi mamme, poveracce inchiodate a casa!

mammaQuando ho letto il post della mia socia su single e viaggi, ebbene sì, un po’ l’ho invidiata. Come del resto accade quando mi annuncia, con la massima naturalezza, che non ci sarà per una decina di giorni, perché sta partendo una volta per il deserto, un’altra per Aspen, negli Usa, un’altra ancora per la Cina o l’India. Quando ha un’occasione la prende al volo e via, perché non deve renderne conto a nessuno, giusto?
Come dice mia figlia, dieci anni, “la Betti sì, che ha capito tutto. Guarda che bella vita, la sua. È sempre in giro, si diverte, sembra sempre giovane!” Sono parole sante, no? Anche perché io, rispetto alla Zitella, sembro proprio una casalinga disperata, perfettamente in linea con gli stereotipi sulle mamme affannate.
Riesco a staccare la spina, allontanandomi da casa, solo dopo un esercizio di equilibrio, o meglio di equilibrismo, quasi impossibile: passaggi di consegne su compiti, interrogazioni, sport, borsoni, catechismo, incontri con gli amici. E poi controlli incrociati sull’incastro di orari, fra la persona che porta a casa i figli da scuola, quella che li riprende un po’ dopo, il padre che può arrivare solo di sera.
Senza contare la lagna dei cuccioli che, quando stai per andartene, magari per meno di quarantotto ore, ti chiedono se “è proprio necessario, davvero devi andare, ma non vengono prima di tutto i tuoi figli?”
Poi, al di là delle mille incombenze e dei mille fili che ci tengono inchiodate a casa, diciamo la verità, noi mamme abbiamo anche meno soldi. Che se ne vanno fra scuola, corsi, controlli ortodontici, occhiali per i piccoli e chi più ne ha più ne metta. Quindi non fatico a credere che il turismo dei single sia in crescita, anche in prospettiva.
Però, tutto sommato, anche le mamme chiocce prima o poi possono riprendere la loro vita da “ragazze”, con tanto di viaggi. Allora, armiamoci di pazienza e, nel frattempo, godiamoci i nanetti che ti dicono “sei bella” anche quando sei sgarrupatissima, con gli occhi pesti e un nido nei capelli!

About Author

La Bella
La Bella

Stefania Romani, giornalista e storico dell’arte, segue da anni mostre e restauri per prestigiose testate e femminili. Con un occhio di riguardo per il turismo culturale e le destinazioni italiane. Scrive anche per un quotidiano on line. E ama le confidenze, le chiacchiere, il confronto, anche serrato, su tutto. Meglio ancora, di fronte a un bicchiere di vino. Perciò, perché non provare a farlo anche in rete?

Leave a Reply