Notte bianca, ma non per tutti

A proposito di Notte bianca, Bella e Zitella potevano essere d’accordo? Ovviamente no. Però, stavolta, i ruoli sembrano essere invertiti: la prima aspetta l’appuntamento serale di inizio estate come un rito, la seconda non ci pensa proprio e se la dà a gambe!

BellaLa Notte bianca sotto casa mia, ad Asola, in provincia di Mantova, per me è un evento. Tutti i negozi che amo aperti fino a tardi, le vie del centro chiuse, la possibilità di fare due chiacchere per strada, spettacoli e attrazioni in tutti gli angoli. Senza contare i saldi, davvero super, che mi permettono di portarmi a casa qualcosa a cui ho dovuto rinunciare, anche se solo temporaneamente: so già dove mettere le mani per una bella 42, per un paio di orecchini in una nuance che mi manca, per un paio di sandaletti con il mezzo tacco. E poi mi piace, mi strappa un sorriso, l’entusiasmo dei miei figli, che si aggirano per i portici e le vie con disinvoltura, quasi fossero a casa loro. Una serata gradevole, alla quale non rinuncerei mai, perché è diventata una sorta di rito dell’estate. Quest’anno, poi, ci sono gli artisti di strada, con i loro spettacoli di giocoleria, potrei mancare?

La Bella 

Zitella

Notte bianca, notte rosa… qualsiasi colore abbia vi stupirò: non mi piace. Non mi piace tuffarmi nella folla e nella ressa, tra gente che esce solo perché c’è la notte bianca. Del resto io sono così: un tantino snob, visto che evito di fare le cose quando le fanno tutti. Il sabato sera per esempio, a me piace stare a casa, preferisco uscire il lunedì. E poi lo shopping non si può fare in mezzo a chi sgomita per “soffiarti” la t-shirt scontata. Piuttosto la pago 10 euro in più ma e la provo, mi guardo allo specchio, giro curiosando nel negozio e poi compro. Non no, questa corsa all’acquisto serale affannato non fa per me.

Che poi le commesse sono nervose e incazzate per il turno notturno e anche questo è un deterrente.

E camminare come in una scia in mezzo alla strada trasportati dalla corrente? Non mi pare un’esperienza entusiasmante, anzi la definirei delirante. Che gusto c’è a fare la coda per tutto? Vi vedo già in coda per entrare in un negozio, in coda per pagare alla cassa, in coda per comprarvi un gelato, persino in coda per riuscire a mangiarvelo… Beh divertitevi! Io sto in relax.

La  Zitella 

About Author

Bella&Zitella

Colleghe e amiche, Elisabetta e Stefania, una single, l’altra mamma, si ritrovano spesso a parlare delle loro vite; della famiglia, impegnativa; degli uomini, che alla fine non ci puoi contare più di tanto; delle serate, beata te che se sei stanca non devi preoccuparti di nessuno; del futuro, tu almeno hai una famiglia io non ho nessuno… In ogni caso della quotidianità, che poi, da qualsiasi parte la si guardi, rimane quella che è. PS: i nomi sono in ordine alfabetico…….

Leave a Reply