Piatti di casa nostra o insetti fritti?

La curiosità in materia di cibo è una buona cosa, ma è meglio esercitarla cucinando o mangiando? Insomma, meglio sperimentare una nuova ricetta o meglio buttarsi nell’assaggio di piatti esotici e fuori dal comune. La Bella e la Zitella hanno approcci diversi e il vostro qual è?   

BellaOddio, quando la Zitella mi ha raccontato che ha intenzione di assaggiare le cavallette fritte, mentre è titubante su scarafaggi e scorpioni, non le ho nemmeno lasciato finire la frase. Mi sentivo rivoltare lo stomaco, giuro: sarò anche provincialotta, sarò anche chiusa, ma questo tipo di curiosità, l’assaggio di “cibi esotici”, come dice la mia socia, non mi sfiora nemmeno. Dicono che questo, forse, sia il cibo del futuro. D’accordo, potrà anche essere così, ma a me interessa il presente e, peso permettendo, vorrei mangiar bene. Vuoi mettere i piatti di casa nostra, i salumi, il pesce, la pasta, una bella torta al cioccolato? Ecco, mi sta venendo fame…

La Bella

ZitellaCucinare m piace, ma avendo uno spazio ridotto ho perso il gusto della cucina: preferisco il ristorante. Per me non cucino mai, vado via veloce con cose dietetiche che non richiedano tempo né impegno. Ospiti ne ho pochi: quelli fidati ai quali propongo qualche piatto “forte” ormai collaudato. In compenso sono “culinariamente” golosa e mi piace assaggiare cose nuove: piatti esotici, abbinamenti fuori dal comune, sapori non convenzionali. Andrò in Cina e so già che qualche cavalletta fritta la assaggerò. Per quanto riguarda scarafaggi e scorpioni non sono sicura che ce la farò però ci sto pensando perché la conoscenza di un Paese passa anche dalla tavola. E poi dovremo abituarci no? Non si dice che gli insetti saranno il cibo del futuro? Ricco di proteine e a basso impatto ambientale? Quindi mi porto avanti….vi farò sapere.

La zitella 

About Author

Bella&Zitella

Colleghe e amiche, Elisabetta e Stefania, una single, l’altra mamma, si ritrovano spesso a parlare delle loro vite; della famiglia, impegnativa; degli uomini, che alla fine non ci puoi contare più di tanto; delle serate, beata te che se sei stanca non devi preoccuparti di nessuno; del futuro, tu almeno hai una famiglia io non ho nessuno… In ogni caso della quotidianità, che poi, da qualsiasi parte la si guardi, rimane quella che è. PS: i nomi sono in ordine alfabetico…….

Leave a Reply