Pronte per il saldi? Ci siamo quasi!

I prezzi ribassati, si sa, hanno un fascino magnetico, al quale non sfugge nessuna donna, o quasi. Perché è una tentazione trovare alla metà del costo, con i saldi, le scarpe, gli accessori, l’abitino dei sogni a cui abbiamo rinunciato solo temporaneamente.

Bella

Oddio, non sono mai stata un campione nello shopping e nemmeno nei saldi, diciamo la verità. Mia sorella si provava le scarpe al posto mio e mia mamma, sulla base di due dritte precise, sceglieva maglioncini e abitini che mi andavano a pennello. E adesso, visto che avrei il tempo contato e il mio cucciolo, si fa per dire, mi telefonerebbe tre volte in una mezz’ora? Bè, colpo di scena: in casa nostra l’addetto ai saldi è mio marito! Ha occhio, buon gusto, capacità di calcolare qualunque cifra, scontata, in tempo zero (no, non sto male e so che questi sono complimenti). Così, a casa con i bambini, aspetto che torni con le buste della spesa… Non male, vero?

La Bella 

Zitella

Per noi amanti dello shopping non c’è niente di più interessante dei saldi. Ognuno ha la sua strategia, la mia?  Semplice: aver preso nota di negozio e prezzo per tutte quelle cose (e ahimè sono tante) che mi è capitato di vedere e che ho desiderato acquistare. Se proprio non mi erano indispensabili, e diciamolo, nel nostro shopping compulsivo quasi nulla lo è davvero, dunque se proprio non mi erano indispensabili ho rimandato ai saldi. Però, dato che l’età avanza e la mappa dei desideri si allarga, ho annotato tutto. Così, a saldi appena partiti, vado a colpo di sicuro, come si dice, e posso confrontare i prezzi. Il percorso va in ordine di importanza, perché il budget è fissato. Quindi si parte con il top dei desiderata e se non si trova il capo o la taglia si scende in classifica.  Un sistema collaudato, scientifico e infallibile. L’importante è indossare scarpe comode! Dimenticavo: è fondamentale essere sole perché non servono consigli e si risparmia tempo.

La zitella 

About Author

Bella&Zitella

Colleghe e amiche, Elisabetta e Stefania, una single, l’altra mamma, si ritrovano spesso a parlare delle loro vite; della famiglia, impegnativa; degli uomini, che alla fine non ci puoi contare più di tanto; delle serate, beata te che se sei stanca non devi preoccuparti di nessuno; del futuro, tu almeno hai una famiglia io non ho nessuno… In ogni caso della quotidianità, che poi, da qualsiasi parte la si guardi, rimane quella che è. PS: i nomi sono in ordine alfabetico…….

Leave a Reply