SOS, siamo in preda allo sclero!

mujer-de-negocios-subrayada-frustrada-que-grita-arte-pop-74557539Avrei  dovuto capirlo dall’auto carica e  dallo slogan “Quasi quasi non torno più”, quello che la Bella ha postato l’altro ieri. Era un chiara richiesta d’aiuto e mi sento in colpa per non averla raccolta. Così ieri la Bella, che  nemmeno io avevo ascoltato, ha sclerato. Il messaggio che mi ha mandato suonava più o meno così: “Ho avuto uno sclero, se muoio getta un occhio ai miei figli” Oddio, che è successo? Dato che come sempre queste cose accadono quando non puoi affrontarle, io stavo a casa senza corrente, e quindi senza computer, e con il telefono scarico, che senza corrente non potevo ricaricare. Sono riuscita a farmi brevemente raccontare l’accaduto e a consigliarle il dottore. Lei aveva dato fuori di matto ma si capiva che l’episodio era pretestuoso perché appena le ho dato il la, ha cominciato a prendersela con il mondo intero.  Era senza fiato, le mancava proprio il respiro, e mi sono detta:  E’ andata! Nel senso che proprio sembrava fuori di sé. Beh del resto anch’io tendo allo sclero quindi dopo tutto per me era normale. Ho cominciato a pensare a questioni logistiche: come faccio a gettare un occhio sui ragazzi? Devo trasferirmi vicino a casa loro. E poi devo tornare a fare i compiti, a passare le domeniche con loro, a fare in modo che non si annoino. Cavoli, è impegnativo! Speriamo che la Bella si riprenda e possa continuare a pensarci lei. E infatti il messaggio successivo, dopo il dottore, è stato “Pressione alta ma per ora non muoio”

Ah ecco, meno male!  Rassicurata ho ripreso le mie attività e la sera me ne sono andata al corso di teatro. Riaccendo il telefono e trovo la foto di un documento indecifrabile e illeggibile. Non ci capisco niente. Le scrivo chiedendo spiegazioni e la risposta è che si tratta di un compito di grammatica che avrebbe dovuto inviare a un’altra mamma e che invece aveva inviato a me. Ma, allora, non si è ripresa per niente! Il problema è che nemmeno io sono a posto: avevo pensato fosse la diagnosi del medico! Ma come siamo messe?

 

About Author

La Zitella
La Zitella

Elisabetta Colombo è una giornalista professionista con una lunga esperienza maturata su più fronti: ha collaborato con diversi femminili, con riviste di architettura e di economia, si occupa di arte e di viaggi. Lavora per un quotidiano, ma la curiosità la spinge sempre verso nuovi campi da esplorare. E quindi perché non un blog, dove raccontare, raccontarsi e aprirsi a inedite conversazioni?

Leave a Reply