Stupinigi sbarca in Cina

stupinigi salotti cinesi (600 x 450)La Palazzina di Caccia di Stupinigi, uno dei fiori all’occhiello del turismo torinese, sbarca in Cina grazie ad una a redazione specializzata con sede a Shanghai, che ha realizzato un servizio in lingua cinese per promuovere il sito. Oltre al portale web, la redazione  si occupa di divulgare sui social network locali (fra cui il popolarissimo wechat) e con newsletter settimanale, eventi e offerte culturali legati alla Palazzina. Con l’attivazione di un profilo sulla terza piattaforma mondiale di messaggistica QQ (del gruppo Tencent) -una media di 860 milioni di utenti mensili- la Fondazione Ordine Mauriziano completa così il lancio della destinazione “Palazzina di Caccia di Stupinigi” sull’immenso mercato del nuovo turismo colto cinese.

Una scommessa che punta a conquistare l’attenzione di 2.500 high-spender entro la primavera del 2017, ma anche a gratificare tutti i cinesi che,  pur vivendo nel nostro Paese,  continuano a coltivare il legame con la lingua d’origine. Oltre alle audioguide in lingua (disponibili dal 2013), i visitatori cinesi possono infatti contare su visite organizzate da ANGI (Associazione Nuova Generazione Italo-Cinese) e oggi anche su approfondimenti online nella loro lingua.

Fra le sale che maggiormente appassionano il pubblico orientale ci sono  i due Gabinetti cinesi in cui arredi ed elementi decorativi -fra cui la carta da parati dipinta a tempera e importata direttamente dalla Cina meridionale a inizio del 1700- sono caratterizzati dal gusto per l’esotismo, uno dei filoni decorativi più diffusi del XVIII secolo.

E, per una volta, l’iniziativa sarà preso ad esempio da altri Paesi europei. I Commissari della Fondazione Ordine Mauriziano sottolineano infatti che “Il collegamento diretto con le piattaforme cinesi si deve – come l’intero servizio di fruizione – alle sole capacità organizzative interne”.

Tanto che  i colleghi di Versailles si sono dimostrati interessati a seguire le stesse modalità.
La partecipazione al MPT-EXPO (Museums and Relevant Products and Technologies > Exposition) a Chengdu dal 14 al 19 settembre pv, insieme alla altre istituzioni della Città di Torino, completa il quadro dell’imponente campagna informativa in cui è impegnata la Fondazione Ordine Mauriziano.

Per chi volesse dilettarsi con il cinese, il sito è: www.stupinigi.cn
Profilo WeChat: da applicazione wechat su telefonino aggiungere ai contatti questo “斯图皮尼基猎宫”, ovvero il nome cinese della Palazzina di Caccia di Stupinigi

 

About Author

La Zitella
La Zitella

Elisabetta Colombo è una giornalista professionista con una lunga esperienza maturata su più fronti: ha collaborato con diversi femminili, con riviste di architettura e di economia, si occupa di arte e di viaggi. Lavora per un quotidiano, ma la curiosità la spinge sempre verso nuovi campi da esplorare. E quindi perché non un blog, dove raccontare, raccontarsi e aprirsi a inedite conversazioni?

Leave a Reply