Tutti a Golosaria, oltre il buono

golosaria 1 (600 x 400)“Oltre il Buono”,: è questo il tema di Golosaria, la rassegna di gusto e cultura che anche quest’anno porterà al MI.Co di Milano, dall’ 11 al 13 novembre, l’eccellenza “made in Italy“. Una grande vetrina sull’agroalimentare italiano, che per questa edizione si focalizza sul cibo inteso non solo come nutrimento per il corpo ma anche come risorsa per il sistema, capace di veicolare la forza che deriva dalla terra e di far scoprire la straordinaria biodiversità che ci circonda.

Più di 300 espositori di cibo e vino provenienti da tutto il Paese per far consocere I loro prodotti, piu di mille, molti dei quali al loro debutto, a testimonianza di una continua innovazione in agricoltura e nell’artigianato alimentare. Accanto al recupero della tradizione molte novità: tra le curiosità in mostra ci saranno: l’aglio nero, il rabarbaro italiano e la manna madonita (oggi sviluppatasi in un consorzio dopo l’impulso dato dal panettone) . Golosaria è anche ‪un ricco palinsesto di eventi, showcooking e degustazioni, le nuove tendenze in ambito enogastronomico, con l’exploit di giovani innovatori e produttori di cose buone, un’area lab , ma anche il bere miscelato di ultima generazione, il Barbecue all’italiana e la storia del riso, dal campo alla tavola, fino al tramonto dell’ “apericena”. Tutte tematiche racchiuse nei tre libri editi per Cairo nella collana “I Libri del Golosario”.

Spazio quindi ai 100 migliori vini d’Italia, I Top Hundred scelti da Paolo Massobrio e Marco Gatti, alle Botteghe del Gusto selezionate dal best seller ilGolosario e a una schiera di nuovi cuochi che porteranno in scena l’evoluzione della cucina italiana, presentata anche tra le pagine del GattiMassobrio, il taccuino dei ristoranti d’Italia che debutta nell’edizione 2018.

Ma Golosaria sarà anche Cucine di Strada con le proposte di uno spaccato della tradizione on the road italiana che comprende pane ca meusa, arrosticini di pecora, farinata, panzerotti (al goji). La grande cucina degli osti italiani, fatta di innovazione e sperimentazione ma senza cedere al virtuosismo sarà al centro del fitto programma di showcooking (50 tra showcooking, appuntamenti BBQ e Atelier dell’arte bianca, lab) con gli chef della guida Gatti Massobrio e l’area dedicata al BBQ. A Golosaria c’è spazio anche per esempi virtuosi di filiera, dall’olio EVO con l’Associazione Città dell’Olio fino alle Dop dei piccoli formaggi piemontesi e a un’eccellenza della produzione gastronomica nazionale come il Grana Padano, storico partner di Golosaria, che anche quest’anno sarà protagonista di diversi appuntamenti, in abbinamento con i grandi vini e le grandi birre della rassegna. Ma soprattutto sarà una Golosaria attenta al mondo dei cereali e al riso come esempio di una filiera capace di coinvolgere più realtà, come quest’anno ha voluto sottolineare nella sua area Regione Lombardia, presente con l’Assessorato Regionale all’Agricoltura. E sempre Regione Lombardia, con Explora, ha scelto Golosaria come tappa dove vidimare il passaporto #inLombardia, che i possessori potranno far timbrare a memoria di un grande viaggio nel gusto..

Tutto il ricco programma della rassegna su www.golosaria.it

 

 

 

About Author

La Zitella
La Zitella

Elisabetta Colombo è una giornalista professionista con una lunga esperienza maturata su più fronti: ha collaborato con diversi femminili, con riviste di architettura e di economia, si occupa di arte e di viaggi. Lavora per un quotidiano, ma la curiosità la spinge sempre verso nuovi campi da esplorare. E quindi perché non un blog, dove raccontare, raccontarsi e aprirsi a inedite conversazioni?

Leave a Reply