Vacanze? La Bella è pronta per i Familien!

camp (247 x 400)Weekend di caldo torrido a Milano. Ma io e i miei figli, nella tarda mattinata di sabato, siamo invitati alla conferenza stampa per i vent’anni dei Familien Hotels, 25 strutture dell’Alto Adige che condividono la stessa filosofia: offerta mirata per il segmento famiglie, con l’obiettivo di trasmettere agli ospiti i valori della montagna.
Clara è venuta con me, invece Ettore dormiva così profondamente che abbiamo deciso di lasciarlo a casa con il papà. E mentre noi giornalisti seguiamo la conferenza, i nostri figli sono nel giardino del Copernico 38, dove il personale dei Familien ha ricreato per loro l’atmosfera altoatesina, a cominciare da una tenda.
Sto prendendo appunti e mi colpisce una frase di Ralph Riffser, Ceo e General manager del Cavallino Bianco, che precisa: “l’albergo è come la nostra casa, dove ospitiamo le famiglie. Ma non pensiamo solo ai bambini, come accadeva un tempo, pensiamo anche a mamma e papà. Al centro del nostro messaggio c’è tutta la famiglia”.
Poi prende la parola Peter Morandell, esperto di Camp Detective Natura, un pacchetto offerto da sedici dei Familien Hotels, che prevede per bambini un’esperienza nella natura. Peter si illumina nel raccontare la gioia che provano i ragazzini quando riescono ad accendere il fuoco o a costruire una capanna. Parla della sintonia con la montagna, dell’armonia con l’ambiente, di quanto sia importante accostarsi al concetto che il tempo è relativo. Ma mi conquista quando dice che i bambini più adatti per questo tipo di esperienza sono quelli che hanno uno sguardo aperto, a 360 gradi, gli stessi osservatori che spesso a scuola sono rimproverati perché si distraggono. È mio, il Camp è mio, prenotiamo e via!

About Author

La Bella
La Bella

Stefania Romani, giornalista e storico dell’arte, segue da anni mostre e restauri per prestigiose testate e femminili. Con un occhio di riguardo per il turismo culturale e le destinazioni italiane. Scrive anche per un quotidiano on line. E ama le confidenze, le chiacchiere, il confronto, anche serrato, su tutto. Meglio ancora, di fronte a un bicchiere di vino. Perciò, perché non provare a farlo anche in rete?

Leave a Reply